assicurazione sanitaria viaggio madagascar

Assicurazione Sanitaria Madagascar

andrea home

Andrea Tobanelli consulente assicurativo n. B000542111

Aiuto tante persone ogni giorno a scegliere la migliore soluzione per le loro esigenze. Non scegliere un prodotto assicurativo a caso, affidati alla mia consulenza e ai miei sconti esclusivi. Ho selezionato per te solo i prodotti che reputo migliori.

Nel preparare la tua avventura verso il Madagascar, non dimenticare di stipulare una robusta assicurazione di viaggio. Un passo essenziale per un’esplorazione globale senza preoccupazioni.

Assicurazione Sanitaria di viaggio in Madagascar

Prima di partire per il Madagascar, è consigliabile stipulare una polizza sanitaria che preveda non solo la copertura delle spese mediche, ma soprattutto il trasporto sanitario verso altri Paesi. Questo perché il Madagascar non è sufficientemente attrezzato per le emergenze e non riesce a sostenere diversi interventi a causa dei pochi macchinari. Accade spesso infatti che le molte strutture sanitarie facciano trasportare il paziente verso altri Paesi, magari quelli del Sudafrica.

Le spese di questi trasporti sono decisamente onerose ed è per questo che il sito ministeriale viaggiaresicuri.it si raccomanda caldamente di stipulare la polizza. Tale polizza deve contenere anche la clausola di poter avere anticipi di denaro. Questo perché nessuna clinica privata offre le proprie prestazioni senza un anticipo oneroso.

Il medico curante potrebbe consigliare di effettuare una profilassi antimalarica. La malaria infatti è presente in Madagascar e viene trasmessa dalle punture di zanzare. Da tenere in considerazione che anche la rabbia è diffusa, così come l’HIV.

Nell’autunno del 2017, un’epidemia di peste bubbonica e polmonare ha interessato vari distretti in Madagascar, tra cui le province di Vakinankaratra, Analamanga (che include la capitale Antananarivo), Alaotra-Mangoro, Atsinanana, Sava e Boeny. Il Ministero della Salute del Madagascar ha ufficialmente dichiarato conclusa l’epidemia di peste, con gli ultimi casi segnalati nel novembre 2017. La situazione è migliorata, ma continua ad essere attentamente monitorata dalle autorità locali e dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Nel paese si sono verificati casi sporadici di colera e rabbia, quest’ultima trasmessa principalmente dai cani randagi. La malaria è comune, specialmente nelle aree costiere, quindi è consigliabile consultare un medico per valutare la profilassi antimalarica. Peste e lebbra sono ancora endemiche in alcune zone rurali molto povere.

Si suggerisce l’utilizzo di repellenti efficaci per prevenire morsi di pulce e di evitare il contatto con le carcasse degli animali.

Prima di partire, è raccomandato sottoscrivere un’assicurazione che copra le spese mediche e, se necessario, il rimpatrio sanitario aereo del paziente o il trasferimento in un altro paese. È utile che l’assicurazione sanitaria estero offra anche la possibilità di ottenere anticipi di denaro in caso di ricoveri ospedalieri, in quanto le cliniche private richiedono spesso il pagamento anticipato di un deposito, talvolta molto elevato, prima di erogare qualsiasi trattamento. A volte, esiste un accordo tra la struttura sanitaria e la compagnia assicuratrice che permette di evitare il pagamento del deposito.

Si consiglia di mantenere elevati standard di igiene personale e adottare misure preventive specifiche. È raccomandato evitare di consumare cibi crudi, bere acqua e bevande imbottigliate senza aggiunta di ghiaccio, consultare un medico per la vaccinazione contro l’epatite A e B e per la profilassi antimalarica, e di non fare il bagno in fiumi o laghi a causa della bilharziosi. Si suggerisce anche la vaccinazione contro la poliomielite. Per chi è stato vaccinato contro la polio da bambino e non ha ricevuto una dose di richiamo da adulto, si raccomanda di farla. Gli adulti necessitano di una sola dose di richiamo poliomielite nella loro vita. Se non si conosce il proprio stato vaccinale, è consigliabile consultare un medico per la vaccinazione.

Assicurazione Viaggio Madagascar: sicurezza

n Madagascar, la situazione di povertà diffusa e forti disuguaglianze ha portato a un incremento degli episodi di criminalità, specialmente nella capitale e nelle aree turistiche come Nosy Be e Diego Suarez. Si è registrato un aumento di rapine e aggressioni ai danni di cittadini europei, sia residenti che turisti. È quindi consigliata estrema cautela, in particolare durante le ore notturne e lungo le principali strade nazionali (RN7, RN27, RN10, RN1B), sconsigliate di notte anche a causa delle loro cattive condizioni.

Durante i mesi da dicembre ad aprile, che corrispondono alla stagione dei cicloni e delle tempeste tropicali, si raccomanda di evitare aree a rischio di tali fenomeni atmosferici, consultando il proprio agente di viaggio o il sito web: http://severe.worldweather.org. È utile anche consultare i consigli per le emergenze disponibili su questo sito. Durante il periodo delle piogge, molte strade e ponti possono risultare impraticabili. Per informazioni sulla funzionalità degli aeroporti in caso di condizioni atmosferiche avverse, si consiglia di contattare la propria compagnia aerea e consultare il sito www.flightstats.com.

Ai cittadini in viaggio si consiglia di:

  • registrare i dettagli del viaggio su DOVESIAMONELMONDO;
  • notificare la propria presenza all’Ambasciata d’Italia a Pretoria all’arrivo nel paese;
  • preferire pacchetti di viaggio organizzati con guide locali;
  • sottoscrivere un’assicurazione sanitaria che copra il rimpatrio sanitario o il trasferimento in un altro paese e che preveda l’anticipo di denaro in caso di ricovero ospedaliero;
  • mantenere un alto livello di igiene personale, evitare cibi crudi, bere acqua e bevande imbottigliate senza ghiaccio, non fare bagni in fiumi o laghi per il rischio di bilharziosi;
  • evitare di camminare a piedi di notte nei centri urbani;
  • stare lontano da luoghi isolati;
  • non indossare o esibire oggetti di valore come gioielli o macchine fotografiche;
  • portare sempre una fotocopia del proprio passaporto, lasciando l’originale in un luogo sicuro;
  • non allontanarsi dai principali centri urbani e località turistiche;
  • prestare attenzione alla circolazione stradale;
  • evitare di viaggiare di notte fuori dai centri urbani;
  • stare alla larga da assembramenti e manifestazioni;
  • seguire eventuali consigli delle Autorità locali durante la permanenza.

Per visitare zone rurali, è raccomandato l’uso di una guida che conosca la lingua locale.

In Madagascar, come in altri paesi della regione, ci sono specie di piante e animali pericolosi. Si consiglia di prestare attenzione agli avvertimenti delle Autorità locali, dei tour operator e delle strutture ricettive riguardo a questi pericoli.

Tutte le informazioni aggiornate sul paese possono essere reperite presso il sito ministeriale Viaggiaresicuri.it