assicurazione sanitaria sud africa

Assicurazione Sanitaria per un viaggio in Sudafrica

andrea home

Andrea Tobanelli consulente assicurativo n. B000542111

Aiuto tante persone ogni giorno a scegliere la migliore soluzione per le loro esigenze. Non scegliere un prodotto assicurativo a caso, affidati alla mia consulenza e ai miei sconti esclusivi. Ho selezionato per te solo i prodotti che reputo migliori.

Nell’organizzare il tuo viaggio in Sudafrica, considera essenziale l’acquisto di un’assicurazione viaggio Un requisito necessario per un viaggio sicuro e protetto

Assicurazione sanitaria per il Sudafrica

Complessivamente, la situazione sanitaria nel Paese è considerata soddisfacente. Le strutture sanitarie private, anche quelle altamente specializzate, sono di buon livello, anche se i costi per la degenza possono essere notevolmente alti. Gli ospedali pubblici, d’altra parte, sono visti come poco affidabili. Non si incontrano difficoltà significative nel trovare i principali farmaci disponibili sul mercato.

È importante considerare il rischio di malaria in alcune regioni, come la parte orientale del Limpopo (che comprende il Kruger Park), dello Mpumalanga e nella zona nord-orientale del KwaZulu-Natal, in particolare intorno alle “Wetlands” di Saint Lucia, specialmente tra ottobre e maggio. Sono presenti anche l’epatite A e B, tubercolosi, tetano, febbre tifoide, meningite, morbillo, varicella e pertosse. Si deve prestare attenzione alla bilharziosi (nei fiumi e laghi d’acqua dolce, dove è sconsigliato fare il bagno) e alla rickettosi (febbre da zecche). In passato, si sono registrati casi di colera, influenza H1N1 e in alcune aree remote un ceppo di tubercolosi resistente agli antibiotici.

Prima di partire, è raccomandabile sottoscrivere un’assicurazione sanitaria estero che copra le spese mediche e preveda, se necessario, il rimpatrio sanitario aereo del paziente o il trasferimento in un altro paese. È preferibile che l’assicurazione sanitaria offra anche la possibilità di ottenere anticipi in caso di ricovero ospedaliero. Infatti, le cliniche private non forniscono cure mediche (neanche in casi gravi e senza eccezioni) senza il pagamento anticipato di un deposito, a volte molto costoso. Il deposito non è richiesto quando c’è un accordo tra la struttura sanitaria e la compagnia assicuratrice che permette di evitarlo.

L’acqua corrente e il cibo generalmente non presentano problemi, soprattutto nelle grandi città e nelle strutture vicine alle principali aree turistiche. Tuttavia, si verificano frequentemente interruzioni nella fornitura di elettricità a causa di razionamenti decisi dalle autorità competenti del Paese. Si raccomanda, in ogni caso, di:

  • mantenere elevati standard di igiene personale;
  • consumare solo cibi ben cotti e bere solo acqua e bevande in bottiglia, senza aggiunta di ghiaccio, soprattutto in aree rurali.

Assicurazione viaggio Sudafrica: sicurezza

In Sudafrica, il livello di criminalità è alto, specialmente nelle grandi città come Johannesburg, Pretoria, Durban, Cape Town e Port Elizabeth. Sebbene la situazione sia leggermente migliore nei centri più piccoli, è comunque necessario mantenere un’elevata vigilanza. Gli episodi di violenza nei confronti degli stranieri, inclusi i cittadini italiani, non sono rari. Durante il soggiorno, è fondamentale seguire attentamente le avvertenze fornite nella Scheda e affidarsi esclusivamente a guide turistiche o agenzie riconosciute. È inoltre consigliato evitare luoghi di manifestazioni.

L’impatto economico e sociale della pandemia ha aggravato una situazione economica già precaria, intensificando il disagio sociale. È necessario essere cauti quando si frequentano luoghi pubblici e di culto affollati, così come le aree dove si tengono raduni politici o comizi elettorali.

Le zone considerate a rischio includono il centro di Pretoria, Johannesburg e Durban, e le località vicine agli ingressi del Parco Kruger, specialmente Nelspruit e White River, in particolare di notte e nei fine settimana. A Johannesburg, le zone di Berea, Hillbrow, Alexandria e Yeoville sono da evitare. Occorre essere particolarmente cauti vicino all’Aeroporto Internazionale “O.R. Tambo” di Johannesburg e durante i viaggi di trasferimento nelle città vicine a causa di frequenti rapine. I sobborghi periferici delle città, le cosiddette “townships”, e le loro vicinanze sono visitabili solo durante escursioni diurne organizzate da tour operator accreditati.

A Cape Town, bisogna prestare attenzione in Long Street, nelle aree interne di Bo-Kaap, nelle altre note destinazioni turistiche e nei quartieri con numerosi locali e luoghi di divertimento. Si consiglia di evitare, durante le ore serali, le zone poco frequentate come spiagge isolate, sentieri di montagna e parchi cittadini, nonché le aree periferiche della città, in particolare i “Cape Flats” e le zone limitrofe. È sconsigliato percorrere le principali arterie stradali che costeggiano i “Cape Flats” (N1 e N2) di sera o di notte, per il rischio di aggressioni tramite il lancio di massi dai cavalcavia.

Table Mountain e altre aree del Table Mountain National Park sono state teatro di numerose aggressioni violente a scopo di rapina. Si raccomanda agli escursionisti di esplorare i sentieri solamente in gruppo e con prudenza, in particolare in aree e orari meno frequentati. Anche nelle soste lungo i belvederi sulle strade panoramiche, come la Chapman’s Drive, è necessaria cautela, specialmente al tramonto.

I cittadini italiani dovrebbero:

  • registrare i dettagli del proprio viaggio su DOVESIAMONELMONDO;
  • scegliere alberghi di alta categoria in zone sicure, come quelle indicate: a Johannesburg le aree residenziali di Sandton, Melrose, Houghton e Rosebank, evitando il centro città e le townships; a Pretoria, le aree di Pretoria East e South, in particolare i quartieri di Brooklyn, Waterkloof, Waterkloof Ridge, Lynnwood; a Cape Town, le aree di Waterfront, Fresnaye, Oranjezicht, Gardens, Bishopcourt, Constantia, Camps Bay;
  • evitare di muoversi a piedi nelle aree urbane, soprattutto di notte e nei fine settimana;
  • non indossare o mostrare oggetti di valore come gioielli o macchine fotografiche;
  • prestare attenzione ai propri effetti personali e non lasciarli incustoditi;
  • portare una fotocopia del proprio passaporto, lasciando l’originale in un luogo sicuro;
  • evitare l’uso di mezzi pubblici come minibus e treni locali, data la loro scarsa efficienza e affidabilità in termini di sicurezza, in particolare la linea di collegamento autostradale Johannesburg-Pretoria e la stazione dei pullman extraurbani “La Rotunda”;
  • utilizzare esclusivamente taxi affidabili e riconosciuti;
  • essere cauti nell’utilizzo degli sportelli Bancomat (ATM), evitando prelievi in luoghi isolati e preferendo quelli all’interno dei centri commerciali, e diffidando di chi si offre di aiutare nel prelievo di contanti;
  • non utilizzare il cellulare per strada o nei centri commerciali, nemmeno quelli più frequentati dai turisti, come Rosebank e Mandela Square a Sandton, a causa dell’aumento dei furti di cellulare;
  • diffidare di truffe online che promettono affari lucrativi e non fornire mai informazioni finanziarie personali o portare con sé grosse somme di denaro agli appuntamenti;
  • affittare abitazioni dotate di adeguate misure di sicurezza e stipulare contratti con agenti di sicurezza privati;
  • in caso di aggressione, mantenere la calma e non reagire, cercando di assecondare i malintenzionati;
  • prestare attenzione alla guida, poiché in Sudafrica si guida a sinistra, e mantenere una velocità moderata di notte per evitare incidenti causati dall’attraversamento improvviso di persone e animali;
  • utilizzare navigatori e mappe stradali aggiornate, senza deviare dagli itinerari principali;
  • essere cauti durante le soste ai semafori, dove spesso si verificano furti;
  • evitare gli spostamenti in macchina di notte;
  • essere prudenti durante le escursioni in montagna, soprattutto nell’area di Cape Town, e non camminare da soli;
  • tenere portiere e finestrini dell’auto chiusi e non scendere in caso di segnalazione di un guasto alla vettura da parte di terzi, chiamando invece il soccorso stradale senza abbandonare la vettura;
  • prestare attenzione a false auto della polizia o con lampeggianti blu, specialmente di notte;
  • evitare stazioni di servizio di sera e di notte, specialmente in zone isolate e/o poco illuminate.

In caso di emergenza, si consiglia di contattare immediatamente uno degli Uffici diplomatico-consolari italiani presenti in loco e di valutare con prudenza le offerte di organizzazione di “safari” non provenienti da agenzie conosciute e specializzate. In Sudafrica, come in altri paesi dell’area, sono presenti specie di piante e animali pericolosi, quindi è importante seguire gli avvertimenti delle Autorità locali, del Tour Operator e delle strutture ospitanti.

Tutte le informazioni aggiornate sul paese possono essere reperite presso il sito ministeriale Viaggiaresicuri.it